Pesca in Piemonte
Itinerari,tecniche e luoghi
I nodi
Montature
I predatori con esca morta
Pesca con canna fissa
Legering
Pesca a fondo
Pesca alla passata
Pesca all'inglese
Carpfishing
La pesca a spinning
La pesca al tocco
Ambienti di pesca
La pesca sportiva in acqua dolce
I nodi

Nodi di giunzione


I nodi di giunzione sono utilizzati per collegare due lenze, lenza con il terminale, braccioli sul terminale di lenza.
La principale caratteristica che devono avere è un ridotto ingombro in modo da non ostacolare lo scorrimento delle lenze all'interno degli anelli della canna.
Nella tabella sottostante sono riportati gli schemi e la descrizione dei principali nodi di giunzione

Nodo di giunzione lenze per impiego generale  Impiego generale

E' un nodo molto semplice, di buona tenuta e che non crea eccessivo ingombro.Puo' essere utilizzato per collegare nylon con nylon o con multifibre.
La resistenza delle lenze collegate non è degradata quindi l'insieme ha un carico di rottura pari a quello della lenza di diametro inferiore. 
Nodo per la legatura dei braccioli nei terminali da bolentino  Braccioli per bolentino

E' uno dei nodi piu' utilizzati per la legatura dei braccioli nei terminali da Bolentino.La sua principale caratteristica è di mantenere il bracciolo quasi perpendicolare alla lenza riducendo l'attorciliamento del bracciolo sulla lenza.
Richiede anche un nodo di fermo sulla lenza per impedire lo scorrimento del bracciolo in caso di catture di taglia.
Per maggiori dettagli vedi Lenze da Bolentino 
   
 


Nodi per la legatura degli ami


Ami a paletta

Nodo Spade

Le figure sottostanti mostrano le fasi di legatura di un amo a paletta con il nodo "spade", uno dei piu' utilizzati in quanto assicura un'ottima resistenza nel punto di appoggio della lenza sulla paletta, che è il piu' critico, ed una ridotta schiacciatura del filo che ne modifica le caratteristche di resistenza solo di una quantita' molto limitata.

Nodo per la legatura degli ami a paletta  Nodo per la legatura degli ami a paletta  Nodo per la legatura degli ami a paletta 
Formare l'asola A accostando la lenza al gambo dell'amo e avvolgere il capo libero B sopra al gambo e all'asola 
Completare l'avvolgimento di 6 - 8 spire e passare il capo libero B all'interno dell'asola A 
Dopo averlo inumidito serrare il nodo tirando prima la lenza Le successivamente il capo libero B.
Tagliare il capo libero B a 1-2 cm 

Ami ad occhiello e a paletta

Nodo Domhof

Il nodo riportato sotto, nodo Domhof, molto simile al precedente puo' essere utilizzato sia per gli ami ad occhiello che per quelli a paletta.
Le caratteristiche sono simili al precedente.

Legaura per ami ad acchiello e a paletta  Legatura valida sia per ami ad occhiello che a paletta 
Inserire il capo libero della lenza nell'occhiello
e formare l'asola A lungo il gambo dell'amo 
Avvolgere 6 - 8 spire legando il gambo dell'amo e l'asola.
Serrare come per il precedente 


Ami ad occhiello

Di seguito son riportati alcuni tipi di nodo adatti per ami ad occhiello o, piu' in generale quando occorra collegare un componente provvisto di occhiello alla lenza, ad esempio girelle o moschettoni.



Nodo ad asola ( nodo Crawford)

E' un nodo molto semplice da eseguire, di buona tenuta a condizione che si esegua un serraggio molto accurato.
Viene utilizzato principalmente per la legatura degli ancorotti.

Nodo per ami ad occhiello  Nodo per ami ad occhiello 
Inserire la lenza nell'occhiello formando una ampia asola
 
Fare il primo cappio sulla lenza avendo cura di seguire il gisto verso ( vedi freccia)
 
Nodo per ami ad ochiello  Chiusura del nodo per ami ad occhiello 
Eseguire il secondo cappio simmetrico al primo e passare il capo libero della lenza all'interno del primo cappio
 
Serrare il tutto molto accuratamente agendo alternativamente sulla lenza e sul capo libero
 


Cappio semplice ( nodo Palomar)

Nodo molto utilizzato per la sua semplicità, specialmente nella legatura delle girelle, e adatto a lenze e terminali anche di grosso diametro.
L'unica accortezza consiste nel curare il serraggio in modo che non si verifichino accavallamenti o parti troppo lente.

Nodo a cappio per ami ad acchiello  Nodo a cappio inizio della legatura 
Formare il cappio A passando la lenza nell'occhiello.
 
Eseguire un normale nodo senza serrare
 
Legatura di un amo ad occhiello  Nodo a cappio per amo ad occhiello 
Passare l'amo all'interno del cappio A di Fig.1
 
Serrare il tutto avendo cura di accostare nodo e cappio
 

Nodo Uni-knot

Nodo molto robusto è utilizzato per ami medio grandi, ancorotti, artificiali da Traina e girelle.
E' un nodo autoserrante in quanto sotto trazione score lungo la lenza fino a bloccarsi sull'occhiello.

Legatura di amo ad occhiello  Formazione dell'asola per la legatura di amo ad occhiello  

Inserire nell'occhiello 8 - 10 cm di lenza

 

Formare un' ampia asola (B) parallela alla lenza A

 
Legatura dell'amo ad occhiello  Serraggio del nodo 

Con l'asola accostata alla lenza formare 4 - 6 spire

 

Serrare il nodo tirando il capo libero B e accostare all'occhiello focendolo scorrere sulla lenza A

 


Doppio cappio

Particolarmente adatto alle lenze sottili, semplice da effettuare.

Nodo a doppio cappio per ami ad occhiello 
Dopo aver passato la lenza ( L in Fig.1) all'interno dell'occhiello effettuare un cappio (A in Fig.1) con il capo libero C

 
Doppio cappio 
A breve distanza dal primo formare un secondo cappio ( B in Fig. 2) sulla lenza, sempre con il capo libero C

 
Chiusura del nodo a doppio cappio per ami ad occhiello 
Serrare il primo cappio e successivamente il secondo.
Tagliare il capo libero a 1 o 2 cm

 


Nodo Clink

Adatto per il montaggio degli artificiali da Traina che non richiedono l'uso di girelle e per ami medio grandi da Coffa.
Simile al nodo Uni-Knot ( vedi sopra) non ha la carattristica di essere autoserrante quindi deve essere chiuso con molta cura.

Nodo clink per ami ad occhiello  girelle e artificiali  Esecuzione del nodo clink per occhielli  Chiusura del nodo clink su amo ad occhiello 
Con il capo libero B formare alcune spire ( da 4 a 6) sulla lenza A. Al termine passare il capo libero B nella pima spira

 
Passare il capo libero B nell'asola che si è formata

 
Serrara il nodo e tagliare il capo libero a 1 o 2 cm

 
 



Nodi per terminali in acciaio

Monofilo in acciaio

I monofili di acciaio sono utilizzati per la Traina d'altura e per le Coffe ai Pesci Spada ed agli Squali, solo per ami ad occhiello e di grandi dimensioni ( misura 10/0 o maggiori).



Legatura di un amo ad occhiello con monofilo in acciaio  Legatura di un amo ad occhiello con monofilo in acciaio  Legatura di un amo ad occhiello con monofilo in acciaio 
Passare il capo libero A nell'occhiello 
Attorciliare il capo libero A e la lenza L formando 5-6 spire 
Avvolgere 3-4 spire del capo libero A sulla lenza 



Cavetto metallico

Il cavetto metallico è anche termosaldante quindi si potrebbero utilizzare gli stessi nodi visti per le lenze di nylon eseguendo, al termine del nodo, la saldatura con un semplice riscaldamento per mezzo di un accendino o di una candela.
In pratica, vedi figure sottostanti, si puo' semplicemente utilizzare la saldatura senza eseguire alcun nodo.
Per rendere il collegamento piu' sicuro nella confezione del cavetto sono incluse delle ferrule, cioè dei tubicini metallici, che inserite sui fili da unire e poi schiacciati garantiscono la perfetta tenuta.



Legatura di un amo ad occhiello con cavetto in acciaio  Legatura di un amo ad occhiello con cavetto in acciaio 
Passare il cavetto nell'occhiello, attorciliare 3-4 spire del capo libero sulla lenza e scaldare per saldare il nodo, al termine inserire la ferrula  
Stringere la ferrula con una pinza e eventualmente scaldarla per saldare anche all'interno della ferrula
 





Nodi per accessori

Girelle e moschettoni

Il nodo mostrato nelle figure sottostanti ( simile al Palomar utilizzato nella legatura degli ami) puo' essere impiegato per il collegamento di moschettoni e girelle che abbiano uno degli estremi libero, ad esempio montate come finale di lenza.
Semplice da eseguire offre una buona tenuta ma richiede un minimo di perizia nel serraggio per evitare che assuma un aspetto disordinato.

Inizio del nodo per girelle e moschettoni  Nodo per girelle 
Inserire la lenza nella girella formando l'asola A
 
Eseguire un normale nodo tenedo la lenza doppiata
 
Esecuzione del nodo per girelle e moschettoni   Nodo per girelle e moscettoni chiuso 
Passare l'asola A nella girella ( o moschettone)
Per questa particolarità il nodo non puo' essere utilizzato per girelle con un estremo già collegato
 
Serrare facendo attenzione che il cappio non si disponga in modo trasversale
 

Girelle montate

Nel caso in cui la girella da collegare, ad esempio ad una lenza, sia gia' collegata ad un terminale non si puo' impiegare il nodo precedente in quanto richiede un capo della girella libero.
Al suo posto si puo' utilizzare il nodo Uni-Knot o una sua variante semplificata, descritta nelle figure sottostanti, che offre le stesse garanzie di tenuta ma è piu' veloce da eseguire, vantaggio non trascurabile se si deve eseguire la legatura durante una battuta di pesca, ad esempio per sostituire al volo un artificiale o un terminale da Traina.

Nodo per collegamento di girelle  Formazione del nodo per collegamento girelle 
Formare un'asola passando il capo libero A della lenza L nell'occhiello
 
Formare un cappio inserendo un piccolo tratto della lenza L nell'asola
 
Nodo per moschettoni e girelle  Chiusura del nodo per girelle 
Inserire il capo libero A nell'asola
 
Serrare e fare un normale nodo di chiusura.
Tagliare il capo libero a 1 - 2 cm






Home pageTecniche ed ambienti di pescaPesca alla trotaEsche e pastureItinerariGalleria fotograficaContatti